" Missioni di pace ? "

 

 

 

In Afghanistan siamo in “missione di pace”? Ecco quello che le televisioni non vi dicono…e non vi mostrano

 

Di : Carmine Iannaccone ..

In Afghanistan non siamo in “missione di pace” ma in missione di “Peace Enforcing”, cioè IMPOSIZIONE della pace. Cioè GUERRA. Ma in televisione non ve lo dicono, all’Informazione vera preferiscono la commovente retorica nazional-militarista dell’eroe morto per la patria.

Andrea Nativi(analista militare, direttore della Rivista Italiana Difesa):
“È sempre stata una guerra, basta leggersi il mandato dell’ISAF. Solamente in Italia si continua con questa finzione politicainiziata con i precedenti governi e proseguita con questo, secondo la quale noi siamo a svolgere una missione di pace. Il gen. Bertolini, il nostro numero 1 in Afghanistan ha detto correttamente che si tratta di una missione di “Peace Enforcing” e cioé “imposizione della pace”, che è uno dei modi carini per chiamare la guerra”.
( fonte : http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=70044279212e9c34 )

Generale Arpino: “Siamo in GUERRA. Smettiamola con la retorica”.(fonte : http://www.youtube.com/watch?v=p0CQjqnHQgY )

Gino Strada(Emergency): “In Afghanistan è vera guerra. Dobbiamo ritirarci subito.”(fonte : http://it.peacereporter.net/articolo/20563/Gino+Strada%3A+crimini+di+guerra+in+Afghanistan )

Lucio Caracciolo(esperto di geopolitica, direttore della rivista geopolitica Limes): “Sì, guerra: la parola che i nostri dirigenti politici e militari hanno sempre scansato. Mancando così al dovere di verità che la democrazia pretende da chi ne esercita le magistrature.” ( fonte : http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/esteri/afghanistan-19/strategia-uscita/strategia-uscita.html )

- – - – - – - – -

Attenzione! Qui sotto ci sono foto di bambini afghani. Se ne sconsiglia vivamente la visione a chi crede che in Afghanistan non ci sia la guerra.



 



 

 Le Foto sono di Maso Notarianni, Peacereporter

Rapporto dell’Osservatorio Militare sull’uranio impoverito, la sottoscrizione per i soldati malati e le famiglie delle vittime
Per la serie oltre al danno la beffa ... scarica, leggi e condividi gratis il rapporto ..
I NOSTRI RAGAZZI UCCISI DALL'URANIO !.p
Documento Adobe Acrobat 79.7 KB

... e  a leggere LO STUDIO TRA ESPOSIZIONE A URANIO IMPOVERITO E CANCRO ..

http://microonda.net/angulusridet/scienza/uranio_impoverito/uranio_impoverito.htm

IN FINE NON PER FARNE UNA QUESTIONE POLITICA MA MENTRE IL GOVERNO NIENTE TASSE SOTTO IL TACITO CONSENSO DELL'INENISTENTE OPPOSIZIONE AUMENTA LE TASSE E TAGLIA  GLI STRUMENTI INDIPENDENTI QUALI I CENTRI CULTURALI : UNIVERSITà (ricerca = futuro = zona di libero pensiero! ) , CINEMA e TEATRO (ogni euro speso per finanziarla ne rientrano 3 ma evidentemente i film in grado di smuovere le menti umane rendeva troppo indipendenti, BENI CULTURALI ( turismo = soldi = orgoglio nazionale)

---> tuttavia tra i tagli uno può pensare e vabbè se i soldi non li abbiamo non possiamo mica  crearli dal nulla ?

PECCATO CHE NEL 2010 L'APPARENTE CATATONICO GOVERNO BERLUSCONI ABBIA RADDOPPIATO I FINANZIAMENTI AGLI ARMAMENTI BELLICI E SONO PREVISTI ANCORA PIù FINANZIAMENTI NEL 2011, PERò SIAMO IN MISSIONE DI PACE !

 Leggi l'articolo di Peace Reporter è tutto riportato lì ..

X LA BEFANA LA RUSSA CI HA COMPRATO CON I NOSTRI SOLDI 1 MILIARDO DI EURO DI ARMAMENTI
Leggi...pdf
Documento Adobe Acrobat 95.2 KB

 

P.S.

Con questo articolo non voglio certamente disonorare i poveri militari morti in guerra , marionette di burattinai avidi di potere , ma far semplicemente riflettere le persone mediaticamente ingannate che pensano che un morto di guerra valga più di un morto sul lavoro ecc io trovo tutto ciò assurdo !

In Italia. Lo spettacolo che mi si para davanti agli occhi è davvero deprimente. Le televisioni (che formano le coscienze di decine di milioni di persone) non fanno che imbonire la gente dando grande risalto ai commenti dei poveri familiari delle vittime (ovviamente straziati dal dolore), a preti, vescovi, politici (colpevoli di essere entrati in guerra al fianco dell'America) che maledicono i “subdoli attentatori”; e poi si parla di “eroi”, “martiri”, “grandi italiani”, utilizzando la parola pace invece della parola guerra, ragazzi invece che soldati, terroristi invece che insorgenti e così via. E’ una grande commedia napoletana in cui il popolino non deve capire un cazzo. Deve solo commuoversi, strapparsi le vesti, confortarsi nella religione cattolica e stringersi intorno all’esercito, al governo e al capo carismatico.

Amen.

Scrivi commento

Commenti: 0